Solidarietà - Gruppo Alpini Alzano Lombardo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Solidarietà

Attività

La solidarietà è la bandiera degli Alpini, la solidarietà è il D N A che i nostri “veci” ci hanno trasmesso nei geni della nostra appartenenza. Quando metti il cappello alpino, non sei più tu, ti senti trasformato, senti che qualche cosa ribolle nel tuo interno, vorresti che tutto il mondo fosse più solidale, più giusto, almeno normale, il che è il minimo del vivere civile. Se non ha mai provato a donare agli altri qualche cosa che anche senza tanto sacrificio puoi fare, non hai imparato a vivere.

La letteratura alpina è piena di atti generosi compiuti nei confronti di coloro che sono stati poco fortunati: dai tempi della “Grande Guerra” quando nelle trincee si viveva una vita di stenti per mancanza del necessario e trovavi sempre qualcuno che ti aiutava; nella guerra del 1940-45: Albania, Grecia, Russia…la ritirata, quando gli alpini nel gelo della steppa sostenevano i compagni che non riuscivano più a trascinarsi sulle gambe a causa dei piedi congelati, della fame, delle malattie, delle ferite e di tante altre difficoltà che ti portavano ad abbandonarti per la via, trovavi due forti braccia che ti sostenevano e ti incoraggiavano a non mollare.

Durante la naia alpina, quando, durante il famoso “campo mobile”, faticavi ad arrivare alla meta e cominciavi a imprecare contro tutti e magari piangevi, anche allora trovavi chi ti aiutava, ti alleggeriva dello zaino, ti rincuorava, e magari dopo alcuni giorni eri tu che aiutavi un altro commilitone che non ce la faceva più.

La solidarietà non è la carità
: la carità è un gesto individuale; per i cattolici è la più grande delle virtù teologali (fede, speranza, carità). La solidarietà è un gesto che si compie in più persone, le quali partecipano nei vari momenti alle altrui disgrazie con generosità e altruismo, senza cercare né encomi né medaglie.

Il “Gruppo Alpini di Alzano”
è tra quelli che maggiormente partecipa agli aiuti umanitari nelle più svariate circostanze, sia con aiuti di manodopera che con aiuti economici. A queste iniziative partecipano anche molti amici degli Alpini.

Pierfranco Marchesi

Alcuni nostri interventi:

1923 crollo diga del Gleno;

1963 crollo diga del Vajont;

1976 terremoto nel Friuli;

1975 costruzione casa di Endine Gaiano;

1987 alluvione in Valtellina;

1988 terremoto in Armenia;

1994 alluvione in Piemonte;

1997 terremoto nelle Marche;

2000 alluvione in valle d’Aosta;

2002 terremoto in Molise;

2002 smottamenti nelle valli bergamasche;

2009 contributo ai terremotati di San Demetrio Né Vestini in provincia dell'Aquila.

Inoltre nel 2015 abbiamo dato il nostro aiuto a:

  • Parrocchie di Alzano Centro, Alzano Sopra, Monte di Nese, Nese e Olera;

  • Casa di Endine Gaiano. (è la casa costruita dagli Alpini bergamaschi per ragazzi disabili);

  • Centro Aiuto alla Vita;

  • Centro di Primo Ascolto;

  • Casa di Riposo Martino Zanchi (per farmaci, festa dei compleanni );

  • Associazione Amici dell'Oncologia;

  • Associazione Noialtri. (associazione di famiglie con figli disabili);

  • Associazione Aspho (ragazzi disabili);

  • Associazione Paolo Belli;

  • Padre Pedercini. (Missionario in Nuova Guinea, fratello di un nostro Alpino);

  • Padre Giorgio Licini. (di Monte di Nese, missionario in Nuova Guinea e fratello di un nostro Alpino);

  • Padre Alessandro Zanchi. (di Alzano Sopra missionario in Brasile);

  • Cooperativa S. Martino (ragazzi disabili);

  • Sezione A.N.A di Bergamo

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu